Metafisica del bunga bunga

“Era il tempo in cui in Italia sfrontatezza, cupidigia e arroganza dominavano sostanzialmente incontrastate. Il popolo sovrano si inchinava ai potenti che eleggeva perché sperava di entrare a far parte delle loro clientele, desiderando soltanto di legarsi a quella schiavitù cui lo smodato eccesso di libertà e la fittizia ostentazione del benessere l’avevano gettato irrimediabilmente. Alla virtù si era sostituita la scaltrezza: all’essere l’avere.”

Il prodotto non è attualmente in magazzino e non disponibile.

“Berlusconi è la causa, o bensì l’effetto, di un Paese che all’etica preferisce la cotica?”

Roberto D’Agostino, “Dagospia”

“Era il tempo in cui in Italia sfrontatezza, cupidigia e arroganza dominavano sostanzialmente incontrastate. Il popolo sovrano si inchinava ai potenti che eleggeva perché sperava di entrare a far parte delle loro clientele, desiderando soltanto di legarsi a quella schiavitù cui lo smodato eccesso di libertà e la fittizia ostentazione del benessere l’avevano gettato irrimediabilmente. Alla virtù si era sostituita la scaltrezza: all’essere l’avere.”

Incomincia così il pamphlet di Giuseppe Puppo che, come dice il sociologo Carlo Gambescia nella prefazione, “…grazie all’uso accorto e raffinato del fioretto Puppo, come è suo costume di saggista, non colpisce mai di taglio, usa la punta e quindi raggiunge profondità, sconosciute alla maggioranza degli sciabolatori urlanti”.

Informazioni aggiuntive

Autore

Anno Di Pubblicazione

Editore

Formato

,

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Metafisica del bunga bunga”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *